Menu di navigazione

La Comunità

Utenze domestiche

Immagine decorativa

Chi deve pagare

La tariffa è dovuta da chiunque occupi, conduca ovvero detenga locali ad uso privato. La tariffa è dovuta anche per i locali non utilizzati, purché predisposti all’uso. A tale fine la presenza di arredo o l’attivazione anche di uno solo dei pubblici servizi di erogazione del gas, acquedotto, energia elettrica, è condizione sufficiente a far presumere l’occupazione o conduzione dell’immobile.

Calcolo della tariffa

La Tariffa di Igiene Ambientale (TIA), applicata dalla Comunità della Val di Non in tutti i Comuni del proprio ambito territoriale, è suddivisa in tre distinte quote:

  • quota fissa, uguale per tutti i Comuni della Val di Non;
  • quota spazzamento, diversa per ogni singolo Comune;
  • quota variabile (a svuotamento) sia della frazione indifferenziata (secco)  che della frazione organica (umido), uguale per tutte le utenze della Valle.

Per le utenze di residenza, la quota fissa e la quota spazzamento sono calcolate esclusivamente in base al numero di componenti del nucleo familiare. La quota spazzamento è diversa in ogni Comune servito, poiché riflette i costi di spazzamento che il Comune stesso sostiene per tale servizio.

Per le utenze intestate a persone non residenti o per abitazioni tenute a disposizione, la quota fissa della tariffa è equiparata a quella prevista per un nucleo familiare di 2 persone.

La quota variabile è calcolata utilizzando la tariffa a litro stabilita per la frazione indifferenziata e per la frazione organica, moltiplicata per la volumetria del dispositivo (cassonetto o chiave elettronica) in dotazione. In questo modo si ottiene la tariffa per un singolo svuotamento, che dovrà poi essere applicata a tutti gli svuotamenti eseguiti nel corso dell'anno.

ATTENZIONE: per evitare comportamenti elusivi è stato fissato un litraggio annuo minimo garantito del rifiuto indifferenziato (secco) proporzionato al numero di componenti del nucleo familiare.

Come si paga la tariffa

Il pagamento della tariffa avviene a seguito dell'invio di fatture che gli utenti riceveranno  direttamente dalla Comunità della Val di Non.
Il pagamento delle fatture può essere effettuato tramite bollettino postale oppure con addebito su conto corrente bancario (SDD).

Obblighi degli utenti

Denuncia nuova utenza: entro 30 giorni dall'inizio della conduzione, occupazione o detenzione di  locali;
Denuncia cessazione utenza: entro 30 giorni dalla data di cessazione della conduzione,  occupazione o detenzione di locali o aree;
Denuncia variazione utenza: intesa per qualsiasi variazione che comporti una diversa  determinazione della tariffa o che, comunque, influisca sull'applicazione o riscossione della medesima, entro 30 giorni dalla data dell'evento;
Variazioni anagrafiche: tali variazioni vengono comunicate alla Comunità direttamente dall’ufficio demografico del Comune di residenza.

ATTENZIONE: Preme ricordare, inoltre,che i cassonetti in dotazione alle utenze sono collegati all'immobile e pertanto anche in caso di trasferimento dei soggetti occupanti, i bidoncini devono rimanere nell'immobile a cui sono stati assegnati.

In un sistema di misurazione puntuale dei rifiuti, il corretto utilizzo del bidoncino messo a disposizione è fondamentale. Si consiglia, pertanto, di conferire il rifiuto residuo secco utilizzando la capacità massima del contenitore in dotazione in quanto il pagamento della tariffa avverrà in base al volume del cassonetto e al numero degli svuotamenti, anche in presenza di contenitori riempiti parzialmente.

La gestione dei rifiuti

Secco non riciclabile: raccolta porta a porta tramite contenitori affidati in comodato gratuito;
Umido organico: raccolta porta a porta tramite contenitori affidati in comodato gratuito;
Carta e cartone: consegna diretta presso i centri di raccolta materiale;
Vetro: consegna diretta presso i centri di raccolta materiale;
Indumenti riutilizzabili: consegna diretta presso i centri di raccolta materiale;
Plastica, barattolame, tetrapak, imballaggi, nylon: consegna diretta presso i centri di raccolta  materiale;
Rifiuti tossici e pericolosi: ecomobile  itinerante a  cadenza mensile oppure consegna diretta presso i centri di raccolta  materiale;
Rifiuti ingombranti: consegna diretta presso i centri di raccolta materiale.

Cassonetti in dotazione

Alle utenze domestiche vengono consegnati in comodato gratuito i seguenti cassonetti:
N. 1 bidone per il rifiuto secco non riciclabile da 25, 50 o 80 litri
N. 1 bidone per il rifiuto umido organico da 25 litri
N. 1 sottolavello per il rifiuto umido organico da 7 litri
N. 4 pacchi da 20 sacchetti biodegradabili all'anno
ATTENZIONE: il mancato ritiro dei cassonetti non comporta l'esenzione dalla tariffa di igiene ambientale.